Pastori denunciano: “Violenza religiosa” contro i fedeli indifesi e contro la memoria della Roma dei martiri

Gli episodi intorno al culto della Pachamama hanno marchiato a fuoco il Sinodo Speciale per la Regione Panamazzonica e già c’è chi vorrebbe rinominarlo come Sinodo Pachamamico o addirittura Sinodo Idolatrico. Chiaramente la provocazione di chi aveva pensato bene di fare un processo di “inculturazione” fasulla e a tappe forzate, si è ritorta contro tali

Sinodo: una deriva khomeinista?

Verso la fine della Guerra Fredda l’America Latina divenne il terreno di scontro fra due visioni di società ed economia: quella occidentale basata sulla proprietà privata, la libera iniziativa aziendale e il libero mercato e quella, invece, d’impronta statalista, centralista, insomma socialista, rappresentata dal modello sovietico, con la sua propaggine cubana nell’emisfero americano. La spettacolare

Il Cardinale Ruini sui viri probati

UN ALTRO IMPORTANTE CARDINALE RITIENE CHE IL SINODO SBAGLI E CHE ORA FRANCESCO DEBBA RIMEDIARE Il Corriere della Sera di domenica 3 Novembre 2019 ha pubblicato a pagina intera una intervista di Aldo Cazzullo al Cardinale Ruini, storico vicario di Roma e presidente della Conferenza Episcopale italiana all’epoca dei Papi Giovanni Paolo II e Benedetto

Prete cattolico messicano brucia l’idolo della Pachamama in riparazione dell’idolatria in Vaticano

Don Hugo Valdemar Romero, ex portavoce della diocesi di Città del Messico, con a lato un’immagine della Madonna di Guadalupe e un’icona di San Michele Arcangelo, ha bruciato effigi delle statue pagane della “Pachamama” mentre guidava la preghiera dei fedeli  in espiazione del peccato di idolatria consumato in Vaticano durante il Sinodo dell’Amazzonia recentemente concluso.

Alexander Tschugguel, il giovane “maccabeo” che ha gettato nel Tevere gli idoli della Pachamama

Tra le notizie inerenti il Sinodo dell’Amazzonia ve ne è una che ha fatto il giro del mondo ed è quella sulla rimozione di cinque statue della Pachamama dalla chiesa di Santa Maria in Traspontina poi gettate nel Tevere. Questo fatto altamente simbolico ha riscosso il plauso di innumerevoli cattolici che si erano sentiti offesi

La voce del popolo cattolico amazzonico è stata disprezzata dai Padri sinodali

Il 4 ottobre, alla vigilia dell’apertura dell’Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, rappresentanti dell’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira (IPCO) hanno ufficialmente consegnato alla Segreteria del Sinodo una “Richiesta ai Padri sinodali: per un’Amazzonia cristiana e prospera (e non una immensa “favela verde” divisa in ghetti tribali)”. Il documento recava le firme

Cosa importa se è un rito pagano?

Uno dei redattori dei documenti pre-sinodali, il teologo Paulo Suess, fornisce una pertinente chiave di lettura sulla vicenda delle Pachamama. Una notizia dell’agenzia ACI Prensa del 24 ottobre conferma che il teologo indigenista, forse il più noto del Sinodo, il tedesco-brasiliano Paulo Suess, segretario del Consiglio Indigenista Missionario del Brasile (CIMI), ha ammesso che non

CIRCOLI MINORI: LE PREOCCUPAZIONI TROVANO CONFERMA

indioslapressefo_54556114

Il Sinodo per l’Amazzonia sembra proseguire spedito e sicuro nella direzione voluta dai suoi promotori e organizzatori. I padri sinodali, pur con sfumature diverse, appaiono sostanzialmente concordi sulle proposte da presentare nel documento finale.   In effetti, le relazioni dei Circoli minori, consegnate alla Segretaria Generale del Sinodo e pubblicate dalla Sala Stampa della Santa

Il blog di un vescovo olandese manifesta preoccupazione per il Sinodo

In un articolo non firmato pubblicato sul blog del vescovo ausiliare di Den Bosch (Paesi Bassi) si legge che dall’Instrumentum Laboris per il Sinodo Panamazzonico si ricava l’impressione “che la finalità sia quella di creare una nuova religione. Una sorta di eco-socialismo, un amalgama di ecologia, clima, ecumenismo, viri probati, consacrazione di donne e…certo, una