Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

Menu
LOGOTIPO8
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

Menu
LOGOTIPO8

Nominati i membri del Consiglio Speciale post-sinodale del Sinodo dell’Amazzonia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su print
aula sinodale

(Redacción ACI Prensa, 23-11-19) La Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi ha nominato il Consiglio Speciale post-sinodale del Sinodo dell’Amazzonia tenuto in Vaticano lo scorso ottobre.

Il Consiglio post-sinodale è solitamente convocato alla fine dei Sinodi Speciali, come nel caso dell’Amazzonia, con l’obiettivo di valutare le conclusioni dell’assemblea. Il Consiglio post-sinodale del Sinodo dell’Amazzonia è composto da 16 membri, tre dei quali di nomina papale.

Il Consiglio è guidato dal cardinale Cláudio Hummes, arcivescovo emerito di San Paolo, che è anche presidente della Rete Ecclesiastica Panamazzonica (REPAM) e che è stato Relatore Generale dell’Assemblea Speciale del Sinodo.

Gli altri membri sono il cardinale Pedro Ricardo Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo (Perù), vicepresidente del REPAM e presidente delegato del Sinodo; Mons. Alberto Taveira Correa, arcivescovo di Belém do Pará (Brasile); Mons. Roque Paloschi, arcivescovo di Porto Velho (Brasile); Mons. Emmanuel Lafont, vescovo di Cayenne (Guyana francese); Mons. Ricardo Ernesto Centellas Guzmán, vescovo di Potosí e presidente della Conferenza episcopale boliviana.

L’elenco dei membri eletti continua con Mons. Erwin Kräutler, prelato emerito di Xingu (Brasile); mons. Rafael Cob García, vicario apostolico di Puyo e vescovo titolare di Cerbali (Ecuador); mons. Eugenio Coter, vicario apostolico di Pando, vescovo titolare di Tibiuca (Bolivia); mons. Joaquín Humberto Pinzón Güiza, vicario apostolico di Puerto Leguízamo-Solano, vescovo titolare di Ottocio (Colombia).

Gli ultimi tre membri eletti sono mons. Joselito Carreño Quiñónez, vicario apostolico di Inírida, vescovo titolare di Paria de Proconsolare (Colombia); mons. David Martínez de Aguirre Guinea, vicario apostolico di Puerto Maldonado, vescovo titolare di Izirzada (Perù); e il vescovo Jonny Eduardo Reyes Sequera, vicario apostolico di Puerto Ayacucho, vescovo titolare di Canapio (Venezuela).

Infine, i tre membri eletti da papa Francesco sono la religiosa Laura Vicuña Pereira Manso, agente pastorale nella città di Karipuna (Brasile); la leader indigena Patricia Gualinga, della comunità Kichwa di Sarayaku (Ecuador); e il membro del popolo Ashaninka (Amazzonia peruviana) Delio Siticonatzi Camaiteri.

Traduzione a cura di Pan-Amazon Synod Watch

  • Nota: posizioni e concetti espressi negli articoli firmati sono di esclusiva responsabilità dei loro autori.
  • ©Riproduzione autorizzata a condizione che venga citata la fonte.
Altri Autori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
30 ⁄ 10 =