Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8

Vescovo messicano difende la Pachamama su L’Osservatore Romano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su print

Carlos Esteban 

L’organo ufficiale della Curia vaticana, L’Osservatore Romano, ha sferrato un contrattacco nei confronti della recente iniziativa Contra Recentia Sacrilegia, il documento in cui laici e sacerdoti protestano per gli «atti sacrileghi» compiuti durante il Sinodo, e lo ha fatto con un articolo firmata da un vescovo emerito messicano.

Si tratta di Felipe Arizmendi Esquivel, vescovo emerito di San Cristóbal de las Casas, il cui contributo al dibattito si intitola La Pachamama è una divinità?. Vi lascio indovinare la risposta a questa domanda.

In realtà, non è una colonna scritta dal loquace emerito – che collabora assiduamente con diversi giornali del suo paese, focalizzatosi ultimatamente sul Sinodo dell’Amazzonia – per l’antico diario della Santa Sede, ma un contributo per l’agenzia cattolica Zenit – e di cui si fa eco InfoVaticana , riprodotto dal foglio dell’arcidiocesi di Città del Messico, Desde la fe, e infine recuperato da L’Osservatore Romano per il suo indubbio interesse nella disputa sulla presunta cerimonia pagana.

Che i media vaticani lo considerino urgente è dimostrato anche dal fatto che è stato pubblicato pure dal suo organo online, Vatican News, con questa nota introduttiva: “Monsignor Felipe Arizmendi, vescovo emerito della diocesi di San Cristóbal de las Casas nel Chiapas, Messico, riflette sul quotidiano vaticano L’Osservatore Romano sulle immagini della Pachamama presenti durante il Sinodo per la Regione Panamazzonica”.

Nella colonna di un tempo, Arizmendi difende i rituali eseguiti in occasione del Sinodo, dapprima con prostrazione e salmodia incluse guidate da uno sciamano, quindi in una Via Crucis e nella chiesa romana di Santa Maria in Transpontina, dunque in Vaticano, e che ha avuto per protagonista la figura lignea della Pachamama, secondo la confessione del Santo Padre stesso in occasione del suo “salvataggio” dal Tevere.

Traduzione a cura di Pan-Amazon Synod Watch

Fonte: InfoVaticana, 13-11-19

  • Nota: posizioni e concetti espressi negli articoli firmati sono di esclusiva responsabilità dei loro autori.
  • ©Riproduzione autorizzata a condizione che venga citata la fonte.
Altri Autori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
30 + 25 =