Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8

Cardinale Müller : ‘Il grande errore è stato portare gli idoli dentro la Chiesa, non di toglierli”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su print

WASHINGTON, DC, 24 ottobre 2019 (LifeSiteNews) – Il cardinale Gerhard Müller ha rilasciato una forte dichiarazione contro la collocazione di “idoli” in una chiesa romana per il Sinodo dell’Amazzonia.

In un breve estratto di una più lunga intervista a Raymond Arroyo per il suo show The World Over sulla EWTN, andato in onda ieri notte, il cardinale Müller ha affermato che “portare gli idoli nella Chiesa è stato un grave peccato, un crimine contro la legge divina”.

Müller è l’ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Questi commenti sono stati fatti in seguito alla richiesta di Arroyo al Cardinale Müller di esprimere un’opinione, dopo aver menzionato il fatto che alcune  persone avevano rimosso i controversi idoli pagani dalla Chiesa di Santa Maria in Traspontina e li avevano poi gettati nel fiume Tevere,

“Il grande errore è stato quello di portare gli idoli nella Chiesa”, ha risposto il cardinale, “di non metterli fuori, perché secondo la Legge di Dio – il Primo Comandamento – l’idolatria è un peccato grave; da non mescolare con la liturgia cristiana”. “Metterli fuori”, continua Müller, “buttarli fuori, può essere contro la legge umana, ma portare gli idoli in Chiesa è stato un grave peccato, un crimine contro la Legge Divina”. “C’è una profonda differenza.”

Il cardinale tedesco recentemente aveva fatto alcuni commenti forti contro il paganesimo visto al Sinodo dell’Amazzonia. In un commento scritto per LifeSiteNews si rammaricava che “nemmeno i vescovi si rendono conto di quando il confine con il vecchio paganesimo è stato attraversato” e aveva spiegato che l’idolatria e la superstizione sono “un peccato contro Dio perché confondono il Creatore con la Sua Creazione”. “L’adorazione di Dio”, spiegava, “è la vera teologia della liberazione dalla paura, dallo spavento e dall’insicurezza che ci arrivano dal mondo materiale e dai nostri simili. E solo con l’aiuto del Vangelo e della grazia di Cristo una cultura può sviluppare la sua influenza positiva ed essere liberata dal potere del male”. Il cardinale Müller ha ricordato anche le parole dette da San Pietro: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”.

  • Nota: posizioni e concetti espressi negli articoli firmati sono di esclusiva responsabilità dei loro autori.
  • ©Riproduzione autorizzata a condizione che venga citata la fonte.
Maike Hickson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
4 × 10 =