Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lingue

LOGOTIPO8

La Chiesa – in una visione veramente cattolica – non è come un partito politico o un club in cui si entra o si esce a piacimento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su print

Per gentile concessione del blog di Sabino Paciolla pubblichiamo la traduzione del seguente articolo di Robert Royal apparso su The Catholic Thing

Robert-Royal

Venerdì scorso, il cardinale Gerhard Mueller – già capo della Congregazione per la Dottrina della fede (CDF) – ha pubblicato un secondo commento al Sinodo per l’Amazzonia, che si terrà a Roma questo ottobre. Fa seguito ad una sua precedente critica, entrambe asfaltando la natura radicale di quello che è in gran parte un “paradigma” tedesco, non solo per le foreste pluviali del Sud America, ma per tutta la Chiesa.

Il buon Cardinale inizia osservando un fatto che è stato ampiamente riportato ma non sufficientemente compreso: la Chiesa in Germania ha perso più di 216.000 membri nel 2018, al di sopra di analoghi abbandoni degli anni passati. La risposta a questa crisi non è stata – come è avvenuto in simili periodi di difficoltà nella Chiesa (cioè nella Controriforma) – quella di impegnarsi ancora di più nella predicazione del Vangelo. Invece, la Chiesa tedesca ha scelto di “secolarizzarsi” accettando molte cose del nostro mondo postmoderno, il mondo della post-verità che non hanno mai fatto parte del cattolicesimo.

Il risultato era prevedibile. Molte persone hanno concluso che non avevano realmente bisogno di questa Chiesa tedesca secolarizzata, presumibilmente più attraente, poiché potevano già ottenere la maggior parte di ciò che essa stava proponendo senza preoccuparsi della Messa, della Confessione, della Comunione, della monogamia, dell’abnegazione, della carità, della carità, ecc.

Peggio ancora, molti cattolici tedeschi credono ora che la Chiesa non sia il Corpo Mistico di Cristo, una comunione che persiste nel tempo, scelta da Dio, come aveva scelto in precedenza il popolo ebraico, per compiere la sua “rivelazione di sé”.

In altre parole, la Chiesa – in una visione veramente cattolica – non è come un partito politico o un club in cui si entra o si esce a piacimento quando non si gradiscono le posizioni che ha assunto. La Chiesa è letteralmente una “istituzione divina”, una realtà creata per assicurarci il vero cammino della salvezza.

Il Sinodo per l’Amazzonia avrebbe potuto essere un’occasione per ricordarcelo e per ispirare nuovi modi di trasmettere la Buona Novella in una terra che non è stata pienamente evangelizzata.

Invece, l’Amazzonia viene usata come proxy per far progredire ciò che i leader cattolici tedeschi sperano possa far risorgere una chiesa chiaramente morente. Il cardinale Mueller non è convinto:

Se la Chiesa cercasse di legittimarsi davanti a un mondo scristianizzato in modo laico come lobby naturale-religiosa del movimento ecologico, o cercasse di presentarsi come un’agenzia di soccorso per i migranti donando denaro – perderebbe ancora di più della sua identità di sacramento universale della salvezza in Cristo, e non riceverebbe affatto quel tanto agognato riconoscimento da parte del mainstream verde di sinistra.

L’Instrumentum Laboris (IL – “Documento di lavoro”) per il Sinodo avrebbe potuto chiarire – alla gente dell’Amazzonia così come al mondo intero – che il cattolicesimo crede alle parole di Cristo stesso. “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non attraverso di me”. (Gv 14,6)

Questo è, naturalmente, “offensivo” oggi, come lo è stato quando è stato detto per la prima volta. Ma è il punto principale. Se alcuni teologi tedeschi sono così preoccupati per l’imperialismo culturale e l’”etnocidio” da non poter affermare chiaramente questo punto, possono trovarsi nella linea di lavoro sbagliata.

Perché non è difficile, come hanno fatto i missionari in passato, riconoscere – come passo preliminare verso il compito più grande – che Dio è stato all’opera in tutte le culture prima dell’avvento del Vangelo.

Il giusto rispetto per gli altri e per ciò che hanno a cuore, tuttavia, non è mai stato preso come un motivo per smorzare la pretesa cristiana. Piuttosto, è stato un modo per mostrare come ciò che era buono tra ebrei, greci, romani, ora amazzonici, possa trovare il suo vero compimento.

Si possono trovare alcune parole superficiali in tal senso nello sconclusionato testo dell’IL, ma così annacquato che il tutto sembra per lo più qualcosa che avrebbe potuto essere prodotto da un’agenzia di sviluppo delle Nazioni Unite – non da una Chiesa evangelizzatrice.

Si potrebbe persino pensare che i cristiani devono ora considerare una delle “nazioni” a cui sono stati inviati come se avesse una migliore visione di Dio, della creazione e delle relazioni umane rispetto alla nostra.

Per esempio, gli amazzonici non sono ritratti – come ci si potrebbe solo aspettare – come se fossero in possesso di preziose intuizioni o idee. Invece, “È necessario cogliere ciò che lo Spirito del Signore ha insegnato a questi popoli nel corso dei secoli: la fede nel Dio Padre-Madre Creatore”. Dio Padre-Madre-Creatore? Questo equivale a benedire una “fede” diversa.

E non si ferma nemmeno qui. L’Amazzonia è descritta come “un luogo teologico dove si vive la fede, e anche una fonte particolare della rivelazione di Dio: luoghi epifanici dove si manifesta la riserva di vita e la saggezza per il pianeta, una vita e saggezza che parla di Dio”. Il Vaticano II ha dichiarato – in linea con il costante insegnamento della Chiesa – che non attendiamo ulteriori rivelazioni dalla chiusura del Nuovo Testamento. Quindi questo desiderio di elogiare le popolazioni indigene e l’Amazzonia prevale anche sul Vaticano II?

Nel suo ultimo commento, il cardinale Muller ha parole particolarmente aspre per i vescovi che parlano di rinunciare al “potere”:

La forma di “potere” a cui ora desiderano rinunciare è qualcosa che sarebbe stato meglio non avessero avuto fin dall’inizio; e l’autorità spirituale che hanno ricevuto da Cristo alla loro ordinazione, non possono darla via, dal momento che non è una loro proprietà a cui ora possano proporre di rinunciare.

Egli sta parlando di un mondo sviluppato, una nozione ideologizzata di rapporti di potere piuttosto che del potere e dell’autorità di servire, che è l’idea cristiana.

Molte persone hanno notato i problemi con le proposte dell’IL sull’ordinazione di “viri probati” sposati e sulla distribuzione del potere e dell’autorità alle donne. Ma questa abdicazione del vero potere e della vera autorità pervade davvero l’intero sforzo.

Curiosamente, Nostra Signora di Guadalupe, la donna che ha mostrato un potere innegabile, che è stata il canale di conversione di un intero continente – qualcosa di inedito nella storia cristiana – non viene menzionata. Ma forse non è una sorpresa, perché anche suo Figlio è a mala pena presente.

 

Robert Royal è un autore cattolico e presidente del Faith & Reason Institute con sede a Washington, D.C.

 

Fonte: Blog di Sabino Paciolla, 30-07-19

  • Nota: posizioni e concetti espressi negli articoli firmati sono di esclusiva responsabilità dei loro autori.
  • ©Riproduzione autorizzata a condizione che venga citata la fonte.
Sabino Paciolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
9 × 28 =